Lord Byron

La camera è dedicata al famoso poeta ed al suo amore per il mare; durante la sua vita avventurosa e breve, un pò come molti romantici di quell’epoca, soggiornò spesso nell’incantevole scenario del Golfo dei Poeti.

Da Portovenere a Lerici, le due estremità del Golfo della Spezia, sono 8 chilometri e Lord George Byron, dice una lapide, li percorreva a nuoto per godere appieno della bellezza del paesaggio.

San Prospero

Intitolata così per ricordare la sottostante e antica percorrenza alla pieve segnata dalle processioni religiose che raggiungevano l’antica chiesa plebana, oggi abbandonata, che sorgeva su di una piccola collina in località Bottagna e che costituiva un luogo di preghiera, di incontro di religiosità dell’intero borgo.

Come “plebem de Vesano” la chiesa di Corongiola è nominata nel privilegio di Innocenzo III al Vescovo di Luni con cui conferma, a quel prelato, le pievi della sua circoscrizione diocesana.

Della Porpora

In questa camera per le sue ampie dimensioni, il soffitto (originale del XVI secolo) con travi e tavolato, il camino, le due finestre ad angolo verso l’entrata laterale della chiesa di S.Maria Assunta, si dice vi soggiornassero in tempi diversi Paolo Emilio e Ludovico Zacchia, vescovi di Montefiascone divenuti poi cardinali entrambi nel secolo XVI.

Vi soggiornò quasi certamente anche Giovan Battista de Nobili che ottenne la cittadinanza genovese nel 1528 ed intraprese la carriera politica e fu definito il “togato” della Repubblica. Questi personaggi, di epoche diverse, non trascurarono di abbellire il borgo, commissionando a maestranze carraresi splendidi altari policromi per la Chiesa di S.Sebastiano in Vezzano.

Scroll Up